23-02-2017

ANTICIPATA LA PARTITA DELLA PASSALACQUA

download (3)La partita tra la Passalacqua spedizioni e il Famila Schio, valida come ottava giornata del girone di ritorno del campionato di serie A1, inizialmente in programma domenica 5 marzo alle ore 18,00 al Palaminardi, è anticipata a sabato 4 marzo alle ore 20,30. La società biancoverde, infatti, ha accolto la richiesta della società scledense, a seguito degli impegni di Eurolega della formazione orange.

IL SINDACO FEDERICO PICCITTO CONFERISCE LA CITTADINANZA ONORARIA ALL’ARCHEOLOGA PAOLA PELAGATTI

download (2)Oggi, il Sindaco  Federico Piccitto, con apposita determinazione, ha conferito la cittadinanza onoraria alla prof.ssa archeologa Paola Pelagatti che, si legge nel dispositivo dell’atto, “ha dedicato buona parte della propria vita professionale allo studio, conservazione, fruizione e tutela del notevole patrimonio archeologico della sicilia sud-orientale”. “La prof.ssa Pelagatti  rappresenta una eccellenza assoluta nel campo dell’archeologia  – sottolinea il primo cittadino – I suoi studi e pubblicazioni che hanno coinvolto il nostro territorio rappresentano la diretta testimonianza di una personalità  dalle non comuni doti intellettuali, professionali ed umane. Il conferimento della cittadinanza onoraria alla ricercatrice prof.ssa Pelagatti è il segno tangibile della riconoscenza e dell’affetto  di tutta la comunità ragusana”. La prof.ssa Paola Pelagatti (nata il 24 novembre 1927 a Bologna), dall’aprile del 1961, fa parte dell’Amministrazione delle Antichità e Belle Arti, presso la Sovrintendenza  alle Antichità della Sicilia Orientale (Siracusa). Nel 1964 viene nominata Ispettore archeologo presso la stessa Sovrintendenza. Si occupa di ricerche a Siracusa, Naxos, Camarina e in altri siti della giurisdizione. Nel 1972 compie ricerche museografiche all’Ermitage e a Mosca per conto del Ministero della Pubblica Istruzione. Nel febbraio del 1973 assume la reggenza della Sovrintendenza di Siracusa. Alla fine dello stesso anno è nominata Sovrintendente alle Antichità del Piemonte (Torino), incarico che ricopre fino a giugno del 1975 quando chiede e ottiene di ritornare alla Sovrintendenza di Siracusa, che dirigerà fino al 1979. A fine dello stesso anno, dopo la scissione dell’Amministrazione dei Beni Culturali dell’isola, chiede di rimanere nei ruoli dello Stato e viene nominata Sovrintendente  archeologo dell’Etruria Meridionale. A seguito di concorso,  diventa nel 1989 professore ordinario di “Archeologia- metodologia della ricerca archeologica”, prestando  la sua  attività presso l’Università della Calabria (Cosenza)  e l’anno dopo presso l’Università della Tuscia (Viterbo), dove insegnerà fino al 1998. Dal 1979 è redattore per l’epoca antica del “Bollettino d’Arte” . Dal 1989 al 1991 e dal 1993 al 1997 è membro del Comitato di Settore per i Beni Archeologici del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni Culturali (vice presidente dal ‘93 al ‘97). Dal 1987 al 1996 fa parte del Comitato Scientifico della Rassegna di archeologia subacquea di Giardini-Naxos. Moltissimi i riconoscimenti accademici ed onorifici in tutto il mondo.

RAGUSA, RICORSO AL TAR PER LE VARIAZIONI DI BILANCIO. L’AVVOCATO AGATINO CARIOLA, LEGALE DI CINQUE CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE, RINUNCIA ALLA SOSPENSIVA PER ARRIVARE AL GIUDIZIO DI MERITO

download (1)“Abbiamo dato mandato al nostro legale, l’avv. Agatino Cariola, di rinunciare all’istanza cautelare di sospensiva in Camera di Consiglio davanti la Prima Sezione del TAR di Catania in merito all’approvazione in Consiglio Comunale di Ragusa delle variazioni di bilancio con procedura urgente dello scorso 30 dicembre. Abbiamo preso questa decisione per garantire il bene di Palazzo dell’Aquila e perché proseguire per ottenere la sospensiva lascerebbe trascorrere diversi mesi prima di arrivare alla reale trattazione dell’argomento. Con grande senso di responsabilità, dunque, nei confronti di Ragusa e dei suoi cittadini, abbiamo deciso di procedere nel nostro percorso legale contro quella che abbiamo definito una vera e propria prevaricazione nei confronti del Consiglio Comunale di Ragusa, per arrivare al merito nel più breve tempo possibile. Così, l’avvocato Cariola presenterà al più presto istanza di prelievo per la trattazione di merito della vicenda”. Lo dichiarano i Consiglieri comunali di Ragusa, Giovanni Iacono, Carmelo Ialacqua, Giorgio Massari, Sonia Migliore e Manuela Nicita. Queste invece le parole di Agatino Cariola. “Su indicazione dei miei clienti, alla Camera di consiglio davanti la Prima Sezione del Tar Catania, oggi 23 febbraio 2017, ho rinunciato all’istanza cautelare espressamente per assicurare stabilità finanziaria al Comune di Ragusa, alla presenza degli avv. Alì e Boncoiaglio, e su invito del Presidente a presentare al più presto istanza di prelievo per la trattazione nel merito della vicenda”.

SALVATORE CORALLO, UN BORGHESE PICCOLO PICCOLO

World-Full-of-Lemons-By-Surrealist-Painter-Vitaly-Urzhumov__880Sono 22 gli alberi eliminati  in viale Napoleone Colajanni. Avevano rotto i marciapiedi, fatto saltare in aria le mattonelle, intralciato il passo agli uomini, e ora sono stati messi a posto: marchiati, recintati, estratti, “trasferiti” o forse eliminati per sempre. Kaput. Erano, insieme ai loro compagni di strada, gli alberi più belli di Ragusa. Chi non ha conosciuto il loro profumo dolcissimo, misterioso, latteo, che nella tarda primavera riempie il corpo dei ragusani non può capire l’offesa e la violenza di questa operazione di pulizia. Il profumo dei tigli, un grande classico nel rapporto amoroso uomo-natura che ha ispirato poeti, pensatori, educatori di fanciulli… tranne uno. Corallo Salvatore, comisano, titolare del Caffè borghese e purtroppo assessore al verde pubblico di Ragusa per conto di casa Grillo. Il soggetto è recidivo; prima dello sterminio di  viale Colajanni ci sono stati meravigliosi pini, maestose palme, innocenti arbusti, l’horror vacui della vallata santa domenica che pare spelata con la crema Veet. L’intero mondo arboreo del capoluogo ha conosciuto il suo colpo d’ascia e le distese di ciclamini che invece apprezza. Stavolta come aggravante c’è la bugia. In un comunicato ufficiale diramato dal Comune si è dichiarato che l’opera pubblica di allargamento e sistemazione del marciapiede prevedeva il sacrificio di soli 10 alberi destinati alla ripiantumazione in un giardinetto scolastico. E poi? Zac- zac, fuori 22. La denuncia sull’accaduto deve però superare il romanticismo e l’ambientalismo per avviarsi ad una riflessione. Da una parte abbiamo Di Maio che descrive una Ragusa all’avanguardia riguardo ai trasporti, e, dall’altra, Corallo e Piccitto che non riescono ad aggiungere alcun elemento di innovazione serio e sostanzioso nel momento in cui devono mettere mano ad una viale cittadino dove, fra l’altro, sempre basandosi sulla giusta propaganda, passerà la metropolitana di superficie. Si poteva riorganizzare l’intera area. Lasciare gli alberi, raddoppiare il marciapiede, installare qualche panchina, affiancare una pista ciclabile, illuminare il viale, creare un percorso pedonale – stiamo parlando di poco più di un chilometro – per trasformare il nesso di relazione tra il centro della città e le due strutture sportive, una storica, il campo di calcio, e l’altra in via di recupero, la pista di pattinaggio, arrivando in modo armonico sino al centro commerciale oltre la ferrovia. Si chiama ricucitura urbanistica. Certo, c’è il problema dei parcheggi auto, ma nella rieducazione in vista della rivoluzione qualche sforzo progettuale di rivisitazione della circolazione o di individuazione di aree all’aperto per parcheggi si potrebbe fare. E invece siamo sempre inchiodati sugli stessi valori, abitudini, tradizioni, usi e costumi della piccola cara Ragusa. Corallo cura gli alberi e l’urbanistica con la stessa cifra identificativa: il contentino, il ritocchino, lo sguardo distratto di chi non vuol sapere. Zero consumo del suolo, petrolio zero, creatività dei trasporti, tutto viaggia sul binario virtuale dei social che i cinquestelle approvano senza sforzo di mutamento effettivo della realtà che rimane invariata e non subisce impegnativi e dolorosi scossoni epocali. Ci chiediamo: quante nuove villette e palazzine sono state autorizzate nella non urbanistica di Corallo? Vorremmo solo che l’assessore ci desse i numeri. Così, semplice-semplice, concreto, come lui si vanta di essere, come lui si propone nel vecchio ambiente degli affaristi palazzinari. Cinque, dieci, trenta, cinquanta casette? Quante sono le concessioni a favore dei soliti costruttori? Numeri irrilevanti, come negli alberi? Numeri tranquilizzanti che non incidono? Non si capisce mai, con questi grillini, dove finisce l’idiozia e dove inizia la presa in giro. Suggeriamo a Corallo di recuperare dimestichezza con l’aritmetica. Il mestiere lo aiuta. Nel tempo libero che gli resta – è sempre terribilmente impegnato in pranzi, cene, visite, week end con Luigi Di Maio e Giancarlo Cancelleri che gli assicurano un futuro di prestigiosa collaborazione nell’Italia che verrà – smetta di sognare i vertici e torni  al suo baretto e si metta alla cassa: un caffè, un vassoio di biscottini al burro, un cannolo, due pizzette, una confezione di fiocchi di neve da spedire a Roma a Luigino, e il conto torna: alla fine gli alberi atterrati son sempre 22. Amministratori che ci conducono verso la civiltà o forse borghesi piccoli piccoli, disperati nelle loro ambizioni trattenute. Fanno bene gli alberi di via Colajanni a schizzare via dalle regole, a scassare tutto, a esplodere da sotto, a riprendersi la città.  Ah, il loro profumo, imitazione della gioia! quella che la politica non ci concede mai.

ANTIDROGA A VITTORIA, ARRESTATO UN TUNISINO

TURKI Naoufal Tunisia 03.03.1976La Polizia ha arrestato in flagranza di reato Naoufal Turki, di 40 anni, pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti e sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza,  sorpreso mentre cedeva in piazza Daniele Manin una “stecchetta” di hashish ad un ragazzo. I Poliziotti sono intervenuti al momento dello scambio; ne è scaturita una rocambolesca fuga dello spacciatore e dell’acquirente. Raggiunti e bloccati entrambi, sono state recuperate due stecche di hashish, una era stata lanciata a terra da Turki. Il magrebino è stato posto agli arresti domiciliari. Nel corso dei controlli, sono stati scoperti altri sette grammi di hashish, in possesso di un ragazzo italiano di 23 anni, assuntore di stupefacenti e per questo, già segnalato alla Prefettura.

IN ONDA SABATO PROSSIMO SU RAI UNO LA PUNTATA  DI  “LINEA VERDE”  REGISTRATA A RAGUSA

 

downloadIl servizio su Ragusa registrato le scorse settimane dalla troupe televisiva della trasmissione “Linea Verde” che va in onda su Rai Uno, verrà trasmesso sabato 25 febbraio alle ore 12,20. La nota trasmissione che da oltre mezzo secolo racconta l’agricoltura italiana e le sue eccellenze, ha infatti posto particolare attenzione alla vocazione prettamente agricola del territorio ragusano esaltando nel contempo le bellezze paesaggistiche e del patrimonio culturale ricco di numerosi monumenti ed antichi palazzi storici. Attenzionati  dai giornalisti di “Linea Verde”anche gli orti sociali, ritenuti importanti spazi di aggregazione sociale, che sono stati realizzati dal Comune di Ragusa ed assegnati ai cittadini così come i terreni che lo stesso Ente ha concesso per finalità similari alla Cooperativa sociale Proxima.

 

 

VIALE NAPOLEONE COLAJANNI, L’ULTIMO MASSACRO DEI GRILLINI: TAGLIATI VENTI ALBERI

Lavori in viale Colajanni seconda foto“I lavori per l’allargamento dei marciapiedi in viale Napoleone Colajanni, benché attesi da tempo, stanno determinando una spiacevole conseguenza: l’eliminazione indiscriminata dei tigli che, da decenni, hanno caratterizzato il panorama di una tra le vie principali della città. Vorremmo capire perché questa sorte è riservata solo ad alcuni alberi mentre altri, sempre lungo la stessa via, sembrerebbero essere stati graziati da un simile trattamento. Ma, poi, circostanza più importante, è fondamentale comprendere se e quando questi alberi saranno rimpiazzati”. A dichiararlo è il presidente dell’associazione Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, decisamente preoccupato per l’andazzo che i lavori stanno prendendo nell’area in questione. “Ci sono arrivate – sottolinea – numerose segnalazioni da parte dei residenti ma anche di semplici cittadini. In molti, infatti, ricordano ancora come non siano state mantenute le promesse di sostituire le robinie di viale dei Platani, rimosse oltre un anno fa, mentre anche in un tratto di via Dante erano stati estirpati alcuni alberi che, ancora oggi, non hanno trovato un rimpiazzo. Che la gestione del verde pubblico al Comune di Ragusa lasci a desiderare lo testimonia anche un altro fatto e cioè che, in un tratto di viale delle Americhe, è stato deciso di diserbare i cigli stradali eliminando le siepi di oleandri che esistevano da tempo. Anche in questo caso, però, soppresse le presenze, a questo punto dobbiamo pensare sgradite, non si è provveduto in alcun modo per fare che le stesse potessero essere sostituite. C’è quindi più di qualcosa che non va. E ci rivolgiamo all’Amministrazione comunale affinché possa verificare il tenore degli interventi e soprattutto impedire che il patrimonio arboreo della nostra città sia, come sembra stia accadendo, drasticamente ridotto. A proposito dei marciapiedi di viale Colajanni, poi, ci è stato riferito che si intendono allargare di almeno un metro. Circostanza che potrebbe anche andare bene se ciò non avvenisse a scapito della sede stradale. E, in particolare, vorremmo comprendere che cosa accadrà con gli stalli di sosta liberi che, un tempo, erano individuati proprio sotto gli alberi. Saranno mantenuti oppure i residenti dovranno farne a meno?”.

 

Sarà ridiscusso l’accorpamento delle Camera di Commercio Catania, Siracusa e Ragusa

rosariocrocettaIl Ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda ha scritto al Presidente della Regione Rosario Crocetta che sottoporrà all’esame della Conferenza Stato Regioni la proposta di revoca dell’accorpamento tra le Camera di Commercio di Catania-Siracusa-Ragusa. “Sono sempre stato contrario all’accorpamento – dichiara Crocetta –  e finalmente c’è lo stop a una procedura non condivisa, anche in presenza delle nuove vicende giudiziarie, che ipotizzano irregolarità e che vedono indagato il segretario della Camera di Commercio, Pagliaro, sui dubbi rispetto al reale numero degli iscritti delle varie categorie”. “Revocherò immediatamente il decreto di accorpamento e – continua Crocetta – collaboreremo col Ministro per avviare le nuove procedure. Ovviamente, questo ci costringe a continuare l’attuale commissariamento”.

Programmazione cinema Lumiere di Ragusa

locandina-mamma-o-papàDopo il successo della prima settimana di programmazione, al Lumiere continuano le proiezioni di “Mamma o papà?” (Orari: 18:00 – 20:20 e 22:15) con Paola Cortellesi e Antonio Albanese. ” Mamma o Papà?” è l’adattamento italiano del film francese Papa ou Maman e racconta la storia di Valeria e Nicola che hanno deciso di divorziare ma, proprio quando si sono decisi a dare la notizia ai loro tre ragazzi, capita ad entrambi l’opportunità di partire all’estero per l’occasione lavorativa della vita. A chi andrà la custodia dei figli nei sette mesi durante i quali entrambi i genitori hanno deciso di accettare le rispettive proposte di lavoro all’estero? La guerra tra Nicola e Valeria è dichiarata e la posta in gioco è esattamente opposta a quella delle normali famiglie in fase di divorzio: lottare per non ottenere l’affidamento dei figli e fare di tutto perché questi scelgano l’altro genitore. Giovedì 23 continua il secondo ciclo della rassegna “Appuntamento al buio” con l’attesissimo film “Neruda ” del nuovo genio del cinema mondiale, il cileno Pablo Larraìn, con Gabriel Garçia Bernal (Orari: 18:30 e 21:30). Il film è considerato uno dei migliori lungometraggi della stagione cinematografica in corso.

PRESI DUE LADRI INTENTI AD ASPORTARE MATTONELLE DA UN CASEGGIATO RURALE IN MARINA DI MODICA

C. G.Martedì poliziotti in servizio di controllo del territorio, insospettitosi per la presenza di un’autovettura ferma sul ciglio della strada con il cofano aperto e limitrofa a dei caseggiati rurali, hanno controllato il mezzo e le persone presenti. Sulla vettura c’erano una cinquantina di mattonelle appena divelte dal pavimento del caseggiato limitrofo e, depositate a fianco della vettura, un analogo quantitativo di materiale pronto per essere caricato. I due ladri sono stati trovati in possesso di  piccone e guanti e con le mani sporche di terra, ma hanno riferito di trovarsi in campagna per raccogliere asparagi. I due arrestati sono C. G. di anni 50 di Acate, noto per i suoi pregiudizi di polizia in materia di furto e destinatario di alcune misure di prevenzione, e M. A. di anni 31 anni, di Vittoria ma residente ad Acate, con precedenti di polizia per furto, ricettazione e diverse infrazioni al codice della strada.

466 migranti sbarcati a Pozzallo

Immigrazione: sbarco Pozzallo, fermati 4 presunti scafistiLa Polizia a seguito dello sbarco di domenica pomeriggio ha raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico di Ousman Keyta, nato in Senegal nel 1983, Diouf Serigne Fallow, nato in Senegal nel 993, Senor Bavier, nato in Senegal nel 1997, Ceesay Bakari, nato in Gambia nel 1989, Mbemba Saidy, nato in Gambia nel 1999 e Shilazu Islam Lutfarahman, nato in Bangladesh nel 1996. Secondo i testimoni sono loro che hanno condotto le imbarcazioni partite dalle coste libiche.  I migranti provenienti dal centro Africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri.

IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ A RAGUSA – PAGAMENTO  ENTRO IL 30 APRILE

comune_ragusa1-1L’ Ufficio Pubblicità del Comune di Ragusa ricorda ai possessori di impianti e mezzi pubblicitari che il 30 aprile 2017 scade il termine per il versamento dell’imposta comunale sulla pubblicità.  Il pagamento deve essere effettuato tramite il conto corrente Postale n. 1019175718 intestato a Comune di Ragusa – Imposta di Pubblicità  con causale Pagamento I.C.P. 2017,  oppure tramite bonifico bancario – IBAN: IT 22 R050 36 17000 CC 0001003030.  Per eventuali informazioni e chiarimenti è possibile contattare l’Ufficio I.C.P –  tel.0932/676801.

Diffida della Cna sul mancato regolamento per accertamenti sugli impianti termici degli edifici

provincia-di-ragusa-470x352In relazione alla diffida avanzata dalla Cna di Ragusa sulla mancata approvazione del regolamento per la definizione dei criteri e delle procedure per l’esecuzione degli accertamenti e delle ispezioni sugli impianti termici degli edifici, il dirigente del settore ‘Energia e Ambiente’ dell’ex Provincia ha informato la stessa Confederazione e gli organi competenti dello stato dell’arte e delle difficoltà normative e regolamentari per pervenire all’approvazione del regolamento. Il Libero Consorzio Comunale di Ragusa, dopo aver partecipato a diverse riunioni istituzionali che si sono tenute a Palermo, Enna e Messina e avendo registrato su questi temi il silenzio del Dipartimento Energia della Regione Siciliana, ha nuovamente sollecitato insieme agli altri Enti una precisa direttiva in tal senso. Dopo vari solleciti il Direttore Generale del Dipartimento Energia ha fissato per il prossimo 27 febbraio a Palermo una riunione con le Autorità competenti per definire l’iter che dovrebbe portare alla fattibilità di una gestione centrale effettuata dalla Regione con coordinamento territoriale delle attività ispettive su basi provinciali che oltre a sgravare le ex Province dagli oneri economici di avvio e di gestione del servizio di controllo effettuato dall’organismo esterno garantirebbe l’omogeneità dell’applicazione del Dpr 74/2013 su tutto il territorio regionale. Pertanto nell’attesa di una proposta-riscontro su una gestione centralizzata regionale si è ritenuto per ora di non procedere all’approvazione del regolamento ma qualora l’incontro del 27 febbraio dovesse risultare infruttuoso o interlocutorio, l’ufficio Energia del Libero Consorzio Comunale di Ragusa sta predisponendo gli atti necessari per l’approvazione del relativo regolamento.

 

SARA’  PROVVISORIAMENTE RIAPERTA AL TRANSITO VEICOLARE LA ZONA PEDONALE DI VIA COFFA A RAGUSA

Via Mariannina CoffaDa venerdì 24 febbraio sarà consentito, temporaneamente, il transito veicolare in via via Mariannina Coffa, nel tratto pedonalizzato della strada del centro storico, che collega via Sant’Anna con Corso Vittorio Veneto. Il provvedimento è stato disposto dall’Amministrazione comunale in vista dell’avvio dei lavori di rifacimento delle rete acquedottistica nella parte finale di via Sant’Anna compresa tra via Coffa a via Rapisardi. La necessità di aprire provvisoriamente al transito dei veicoli la zona pedonale di via Coffa, sostiene l’Amministrazione comunale, è dettata dalla necessità di mantenere un collegamento veicolare tra via Sant’Anna e Corso Vittorio Veneto che potrà soprattutto essere raggiunto facilmente anche dai veicoli che provengono da via Natalelli.

RAGUSA, NUOVI FARI CON TECNOLOGIA LED PRESSO IL PALAZZETTO DELLO SPORT DI VIA ZAMA

 

IMG_6452Presso il Palazzetto comunale  dello sport “Salvatore Padua” sono in fase di installazione trentadue nuovi fari con tecnologia led destinati ad illuminare il parquet del campo di basket. La pratica per l’acquisto dei  corpi illuminanti, che consentirà di dimezzare i consumi di energia elettrica (si passerà da una potenza di assorbimento da  400 watt  a poco più di 200 watt), è stata curata  dall’Ufficio Sport del Comune di Ragusa, mentre saranno a carico della società “Basket Club”, a cui il Comune ha affidato la gestione dell’impianto comunale, le spese per il montaggio. Tale intervento che rientra nell’ambito del piano di risparmio sui consumi energetici messo in atto dall’Amministrazione comunale sia negli uffici comunali che negli edifici scolastici ed impianti sportivi di proprietà dell’Ente, è stato attuato  a seguito di una sollecitazione dei consiglieri comunali Maurizio Stevanato e Massimo Agosta.

Aggressione dirigente Fit Cisl presidio Ragusa

Eugenio Elefante 1“Solidarietà al nostro dirigente e ferma condanna per la vile aggressione consumata questa mattina”. Così Nino Giannone, responsabile del Presidio Fit di Ragusa, commenta l’aggressione subìta martedì mattina da un iscritto della Fit Cisl colpito al volto da una persona. “Al nostro iscritto – continua Giannone – va la nostra piena solidarietà e la vicinanza di tutta la federazione. Quanto accaduto è assolutamente inverosimile e non può passare impunito. Niente può giustificare tale gesto violento”. Al lavoratore dei trasporti è arrivata anche la solidarietà del segretario generale della Ust Paolo Sanzaro.

KIRIL RIBARSKI E MILICA SPEROVIK SABATO 25 FEBBRAIO AL TEATRO DON BOSCO DI RAGUSA

Kiril Ribarski insieme a Milica SperovikIl trombonista  Kiril  Ribarski insieme alla pianista Milica Sperovich saranno i prossimi protagonisti del nuovo appuntamento della stagione concertistica internazionale Melodica, con un programma che spazierà dalla musica  romantica a quella spagnola e popolare. Il biglietto di ingresso per il concerto è di 10 euro. Ridotto 5 euro per studenti. Prevendita biglietti presso Libreria Ubik di Ragusa dalle ore 9 alle 13 e presso il botteghino del teatro dalle ore 19 di sabato. Per info è possibile visitare il sito internet www.melodicaweb.it / 333 4326158 / [email protected]

SITUAZIONE DELL’ORDINE E DELLA SICUREZZA PUBBLICA NEL COMUNE DI VITTORIA

IMG-20170218-WA0000Lunedì mattina si è svolta, presso questo Palazzo del Governo, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Maria Carmela Librizzi, al fine di approfondire le varie problematiche connesse alla situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica del Comune di Vittoria, a seguito dell’atto incendiario ai danni dell’azienda di autotrasporti avente la ragione sociale “C.A.A.I.R.”. All’incontro hanno partecipato, oltre ai Responsabili delle Forze di Polizia territoriali, il Sindaco del Comune di Vittoria, alla presenza di alcuni esponenti dell’associazione antiracket di Vittoria, della locale associazione di categoria CNA nonché dell’amministratore della citata azienda di trasporti, Giuseppe Biundo. Il Prefetto Librizzi, nel manifestare l’attenzione delle Istituzioni nei confronti dell’impresa di trasporto C.A.A.I.R. e dell’operatore in atto ricoverato, ha confermato l’impegno di tutte le componenti istituzionali a vario titolo interessate al sistema della sicurezza pubblica della provincia iblea, con segnato riferimento alla realtà produttiva del locale mercato ortofrutticolo. Il Prefetto, una volta richiamato il costante monitoraggio delle diverse problematiche che interessano l’economia e l’occupazione dell’anzidetta struttura mercatale, ha sottolineato la valenza e l’importanza di un maggior impegno della società civile e delle componenti economiche che operano in quel settore per un pregnante spirito di collaborazione all’azione di contrasto delle Forze di Polizia territoriali a quei fenomeni di illiceità e di irregolarità nella gestione e nella operatività del mercato ortofrutticolo di Vittoria, in modo da favorire l’azione di prevenzione alle ricadute negative sull’economia in parola e di repressione per quei fatti di rilevanza criminale che incidono sul regolare andamento delle attività commerciali delle produzioni ortofrutticole che trovano nel mercato di Vittoria la base di partenza per i mercati nazionali ed esteri. Riguardo l’episodio incendiario che ha interessato quattro autoarticolati si è convenuto sulla necessità di attendere gli sviluppi delle indagini in corso a cura dell’Arma dei Carabinieri con il coordinamento della locale Procura della Repubblica. All’incontro è stato invitato a partecipare l’amministratore della citata azienda, Biundo Giuseppe, peraltro componente della ricordata associazione antiracket vittoriese, il quale, nell’escludere la natura accidentale dell’evento incendiario, ha rappresentato di non saper immaginare le ragioni dell’accadimento in danno della sua azienda. Nel corso dell’incontro è stato evidenziato il comune sdegno per il grave episodio criminoso, non solo per gli aspetti prettamente economici della vicenda, ma soprattutto per il rischio all’incolumità fisica dell’autista che ha riportato gravi ustioni, da essere sottoposto alle cure di una struttura sanitaria specializzata di Catania. I rappresentanti dell’associazione antiracket di Vittoria hanno espresso la loro  vicinanza e solidarietà alle vittime dell’episodio criminoso, sottolineando viva preoccupazione per l’economia della città di Vittoria. Il Prefetto Maria Carmela Librizzi ha disposto il potenziamento dei servizi preventivi di vigilanza e controllo nell’anzidetta località ad opera delle Forze dell’Ordine.

Eletto il direttivo dell’Avis comunale di Ragusa

 

assemb lea avisNel corso dell’assemblea annuale dei soci, svoltasi sabato scorso, l’Avis comunale di Ragusa ha eletto, scegliendo tra 32 candidati, i 21 membri del direttivo: Salvatore Schininà (294 voti), Maria Elena Salerno (290), Paolo Roccuzzo (285), Giuseppe Antoci (255), Attilio Gregna (246), Natalino Blundetto (223), Giuseppe Pantuso (221), Vittorio Aguglia (219), Antonio Fiorenza (218), Nuccio Zisa (216), Giovanni Dimartino (215), Emiliano Privitera (199), Federico Nuzzarello (198), Giuseppe Tetti (184), Valeria Licitra, Flavia Migliorisi, Giuseppe Iacono, Concetta Migliorisi, Elio Accardi, Maria Garufi e Antonio Montes. L’assise dei donatori della città di Ragusa ha inoltre eletto tre candidati per il direttivo regionale (Vittorio Aguglia, Salvatore La Terra e Flavia Migliorisi), e sette candidati per direttivo provinciale (Franco Bussetti, Salvatore Di Pietro, Rosario Gulino, Alessandro Martorana, Giovanni Passalacqua, Pietro Saladino, Maurizio Tasca).

Scroll To Top
Descargar musica