18-08-2017

MAFIE CONNECTION: I LEGAMI SUL TERRITORIO IBLEO

image1

Domenica 20 agosto, alle ore 21.30,presso Piazza Torre a Marina di Ragusa, si terrà un incontro promosso dall’associazione GLS Giovani Legalità Sport in partnership con Generazione Zero, la FUCI di Ragusa e di Vittoria e in collaborazione con Libera e Ubik. L’iniziativa, che ospiterà gli interventi dei giornalisti Giuseppe Bascietto (Narcomafie) e Arnaldo Capezzuto (Il Fatto Quotidiano), sarà moderata da Giulio Pitroso, presidente dell’associazione Generazione Zero. L’obiettivo dell’evento è di conoscere da vicino l’altra faccia del territorio ibleo, vittima di uno sfruttamento criminale che l’ha reso terreno fertile per i traffici illeciti delle mafie.

Punta Braccetto: scompare una bimba di sei anni. Ritrovata in mare dalla Polizia di Stato

2 coperta RID

Momenti di paura mercoledì pomeriggio in spiaggia a Punta Braccetto quando una donna in preda al panico non riusciva più a ritrovare la nipotina di soli sei anni, scomparsa fra le acque antistanti. Lungo quel tratto di costa negli stessi istanti erano in pattuglia gli uomini della squadra nautica della Polizia di Stato, a bordo delle moto d’acqua. Gli agenti si sono portati sul bagnasciuga dove ad attenderli c’era la donna che ha raccontato di come, da oltre venti minuti, non riusciva più a trovare la sua nipotina di soli sei anni. I poliziotti, dopo aver acquisito un’accurata descrizione della bambina, hanno dato l’allarme alla sala operativa della Questura di Ragusa che ha inviato subito sul posto anche le Volanti per contribuire alle ricerche via terra. Subito dopo hanno iniziato una perlustrazione a largo raggio su tutto il tratto di mare circostante puntando l’attenzione a tutti i bagnanti che in quel momento erano in acqua. Dopo circa venti minuti di ricerche, ad una distanza di circa 500 metri dal luogo della scomparsa i poliziotti hanno scorto sull’arenile la bambina e, a bordo dell’acquascooter, l’hanno riportata dai suoi genitori.

Programma Estate Iblea 2017 del Comune di Ragusa

estate iblea 2017

18 AGOSTO ore 22:00 ANTEPRIMA BIRROCCO 2017 —MARINA DI RAGUSA, Porto Turistico.

18 AGOSTO ore 21:30 AICS SPETTACOLO DI DANZA – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

18 AGOSTO ore 21:30: COMPAGNIA G.O.D.O.T. —LA FAVOLA DEL FIGLIO CAMBIATO – CASTELLO DI DONNAFUGATA.

19 AGOSTO ore 21:30 COMPAGNIA G.O.D.O.T. —LA FAVOLA DEL FIGLIO CAMBIATO – CASTELLO DI DONNAFUGATA.

19 AGOSTO ore 21:30 “IBLA IN FESTA” —BOSSA JAZZ —RAGUSA IBLA, Piazza Pola

19 AGOSTO ore 22:30 R.B. ENTERTAINMENT —MARINA DI RAGUSA, Villaggio dei Gesuiti.

19 AGOSTO dalle ore 15:00 COUNTRY MUSIC – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

SI E’ PERSA UNA GATTA, AIUTATECI A RITROVARLA!

chicca2

Si è persa Chicca a Marina di Ragusa, zona Piazza Gomez. Chicca manca da casa da domenica pomeriggio. Chiunque la veda, per favore contatti i numeri 366 1999356 o 339 8646900. E’ una gatta domestica non abituata alla vita randagia. Pensiamo abbia seguito qualcuno involontariamente… Si offre ricompensa. 

Arrestato perchè aggrediva i passanti a Marina di Ragusa

squadra mobile marina

La Polizia di ha tratto in arresto Ndiaye Diallo Chiekhou, nato in Senegal il 15.11.1996 per aver commesso i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e minacce gravi. Alle ore 23.59 del 14 agosto, la Sala Operativa della Questura di Ragusa riceveva numerose segnalazioni in ordine ad un soggetto in escandescenze in Piazza Duca degli Abruzzi. “Presto venite, c’è uno straniero pazzo che tenta di aggredire tutti, ci sono donne e bambini, chiunque si avvicini viene minacciato di morte”. La pattuglia della Squadra Mobile di Ragusa era lì vicino ed in pochi istanti raggiunge l’esagitato. Il soggetto non voleva dialogare in alcun modo, era solo molto violento e minacciava di morte i poliziotti e chiunque tentasse di avvicinarlo. Gli agenti in borghese lo hanno bloccato a terra, con l’aiuto anche di alcuni operatori commerciali che lavorano nei bar della piazza. Nel contempo era già stato chiesto l’ausilio della Squadra Volanti che da li a poco è giunta sul posto assicurando l’energumeno all’intero della macchina di servizio. Nonostante fosse stato ammanettato e condotto all’interno della Volante, l’arrestato continuava a minacciare, insultare e sputare sul divisorio dell’auto che separa gli operatori dai fermati. Condotto presso gli uffici della Squadra Mobile, il giovane senegalese non si calmava, forse per l’assunzione di droghe o alcool, pertanto veniva chiamato anche il 118 che provvedeva a visitarlo. Il giovane era già stato arrestato quest’anno come  scafista, ma successivamente era stato rilasciato per mancanza di esigenze cautelari ed espulso. Nonostante l’intimazione ad allontanarsi dal territorio nazionale dal mese di aprile 2017, il soggetto non aveva in alcun modo rispettato l’ordine dimorando sempre a Ragusa. Dopo gli accertamenti sull’identità del soggetto da parte della Polizia Scientifica, il ragazzo è stato condotto presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

A Vittoria rinvenuta refurtiva a casa di un rumeno pluripregiudicato per un valore di circa 30.000 euro

DSC_8359 (1)

La Polizia ha denuncia C. V. di 39 anni per ricettazione e detenzione illegale di munizioni. Sabato mattina, a seguito di alcuni furti consumati nel modicano ed in particolare quelli perpetrati la notte prima ai danni di una struttura ricettiva che ospitava diversi turisti stranieri, venivano pianificate alcune perquisizioni a carico di soggetti pregiudicati per reati contro il patrimonio. All’interno di un’abitazione di campagna sono stati rivenuti televisioni, casse acustiche, tagliaerba, soffiatori, compressori, autoradio, coltelli da macellaio, ganci “appendi animali”, oggetti in oro, banconote di valuta estera, macchine da cucire, elettrodomestici da cucina, computer portatili, telefoni cellulari ed altri oggetti. Numerosi oggetti rubati sono stati restituiti alle vittime, ma presso gli uffici della Squadra Mobile di Ragusa vi sono ancora beni di ingente valore da riconsegnare. E’ possibile recarsi presso gli uffici in Via Isp. G. Lizzio, 1 a Ragusa o contattare la Squadra Mobile dalle ore 09.00 alle 12.00 al numero 0932/673696 o via mail all’indirizzo [email protected] per il riconoscimento e la restituzione degli oggetti. Tutti i beni sono stati fotografati e possono essere visionati sul profilo facebook Questura di Ragusa.

Romano Prodi a Scicli il 16 agosto

1443139744-1-romano-prodi-il-mio-viaggio-in-600-da-reggio-emilia-a-scicli

Mercoledì prossimo alle 20:30, presso il cortile del Carpintieri a Scicli, sarà presente Romano Prodi per presentare il suo ultimo libro “Il piano inclinato”. Modereranno il dibattito il consigliere comunale Edoardo Morana, organizzatore dell’evento, e il giornalista Bartolo Lorefice. Relatore il prof. Pinuccio Tidona.

Comune di Ragusa, Estate Iblea 2017

estate iblea 2017

15 AGOSTO FESTA MARIA SS. DI PORTOSALVO – MARINA DI RAGUSA.

15 AGOSTO ore 22:00 Apertura concerto delle Diamonds wm – PARSIFAL in concerto – TRIBUTE BAND POOH – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

15 AGOSTO ore22:30 CONTROVENTO in concerto – MARINA DI RAGUSA, Villaggio dei Gesuiti.

15 AGOSTO ore 22:00 “STRIKE” IN CONCERTO – RAGUSA IBLA, Piazza Duomo.

16 AGOSTO ore 23:00 BOB SINCLAR —CASTELLO DI DONNAFUGATA. INGRESSO A PAGAMENTO su www.ticketone.it

16 AGOSTO ore 21:30 SEXTETO LATINO – RAGUSA IBLA, Sala Falcone Borsellino.

CANTIERE EDILE A ACATE, UNA DENUNCIA,  SANZIONI PER 10.000 EURO

DIGITAL CAMERA

I Carabinieri della Stazione di Acate e del Nucleo Ispettorato del lavoro di Ragusa hanno ispezionato un cantiere edile per la realizzazione di un complesso residenziale privato ubicato nel comune di Acate. Il controllo dei Carabinieri ha permesso di accertare alcune violazioni della normativa relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché ulteriori violazioni sulla normativa antinfortunistica a tutela dei lavoratori. In particolare è stato rilevato che gli operai impegnati nell’attività di realizzazione dei manufatti erano costantemente esposti al rischio di folgorazione e precipitazione in quanto l’area di cantiere era sprovvista di attrezzature elettriche a norma e parte dei ponteggi mancanti di parapetti e “linee vita” di ancoraggio. Sono state verificate altresì quattro posizioni lavorative, una delle quali è risultata irregolare. A seguito dell’ispezione è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria il titolare dell’impresa edile, un 40enne originario di Vittoria.

Tratto autostrada Rosolini-Modica, Lorefice: non resti l’ennesima incompiuta

lorefice 5 STELLE

“L’autostrada Catania-Siracusa-Modica rischia di non essere completata a causa della chiusura del cantiere del tratto autostradale Rosolini-Modica. Un’arteria importantissima che rischia di restare l’ennesima incompiuta”: così la deputata della XII Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice che in una nota al ministro delle Infrastrutture Del Rio ne ha evidenziato le problematiche, a partire dal licenziamento da parte dell’Impresa Co.si.ge di tutte le maestranze a far data dal 31 luglio 2017. “150 lavoratori ai quali si aggiungono coloro che lavoravano nell’indotto. In questi mesi – sottolinea la deputata del M5S –  vi sono stati presìdi degli operai, appelli rivolti agli enti nazionali e regionali al fine di trovare una soluzione. Le organizzazioni sindacali, con il pieno sostegno dei lavoratori, si sono opposte ai licenziamenti, anche presidiando il cantiere per ben due giorni con assemblee permanenti, nonostante ciò, si sono fermati i lavori, e anche i lavoratori”. “Gli ostacoli economici e tecnici in essere – continua la parlamentare – non hanno permesso di trovare delle soluzioni. E l’impresa ha deciso di cessare l’attività del cantiere”. “In ballo – dice la Lorefice a Del Rio – c’è il lavoro di centinaia di famiglie, ci sono i soldi, fondi in buona parte concessi dall’Ue, che rischiano di andare persi, c’è la tenuta delle imprese fornitrici che non ricevono i dovuti pagamenti da mesi e che vantano crediti ingenti e la realizzazione di un’opera determinante per lo sviluppo economico della Sicilia. L’autostrada Catania-Siracusa-Modica rischia di rimanere bloccata o mai più ultimata. È fondamentale che vi sia tra i soggetti direttamente coinvolti nella realizzazione dell’opera una concertazione delle azioni da mettere in atto per trovare soluzioni in tempi celeri. Nessuno può tirarsi indietro dalle proprie responsabilità. Ho ritenuto doveroso scrivere al ministro Del Rio auspicando anche in un tempestivo interessamento. Servono risposte, soluzioni immediate e necessarie per tutelare lavoratori, ditte e completare l’autostrada Catania-Siracusa-Modica”.

 

Incidente stradale sulla Modica-Marina di Modica, motociclista in prognosi riservata

dav

Un giovane motociclista modicano, F.L., 22 anni, è ricoverato in Rianimazione all’Ospedale Maggiore in seguito ad un incidente verificatosi mercoledì sera sull’ex Sp. 43, oggi Via Sorda Sampieri. La vittima era alla guida di una motocicletta Buell e si era appena immesso, proveniente da Marina di Modica, sulla vecchia provinciale, quando ha impattato violentemente contro un’autovettura Audi A 3 condotta dal toscano A.M., 60 anni, che stava svoltando per immettersi sull’ex Sp. 44. Lo scontro è stato violento. Scattato l’allarme, sul posto è intervenuta l’ambulanza del 118 e il Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Locale del Comune di Modica. Il conducente dell’auto, alla fine, non si è fatto refertare mentre il 22enne, dopo i primi accertamenti clinici e radiologici da parte dei medici del Pronto Soccorso di Modica, è stato intubato e dichiarato in prognosi riservata per le lesioni riportate. Della vicenda è stato informato il magistrato di turno. I due veicoli sono stati sequestrati.

PLURIPREGIUDICATO MODICANO ALLA GUIDA DEL MOTOCICLO SENZA PATENTE, ASSICURAZIONE E CASCO, DENUNCIATO ANCHE PER UN COLTELLO E L’ALTERAZIONE DELLA TARGA

DSC_0015

Per la quarta volta in soli otto giorni gli uomini del Commissariato di Polizia hanno fermato un pluripregiudicato di Modica, C.G. di anni 21, che conduceva uno scooter in violazione a qualsiasi regola del codice della strada. Lo stesso, noto pregiudicato per reati di varia tipologia, guidava il motociclo senza patente, senza assicurazione, senza revisione e privo di casco. A ciò si aggiunga che la targa risultava contraffatta. L’ammontare delle sanzioni, oltre al fermo amministrativo del mezzo, ha superato i 6000 euro. Nell’ambito della stessa operazione, a bordo del motociclo veniva rinvenuto un coltello il cui porto risultava vietato dalla legge sulle armi. Per tale ragione lo stesso veniva altresì denunciato.

CITTA’ DI RAGUSA, ESTATE IBLEA 2017

estate iblea 2017

11 AGOSTO ore 21:30 DUO CLASSICO – RAGUSA IBLA, Sala Falcone Borsellino.

12 AGOSTO ore 20:00 KAPPAO’ MANIA BOX – TERRAZZA DEL PORTO TURISTICO MARINA DI RAGUSA.

14 AGOSTO ore 22:00 ANDREA BARONE CABARET —MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

14 AGOSTO ore 21:30 “IBLA IN FESTA” – FERRAGOSTO BAROCCO – RAGUSA IBLA, Piazza G.B. Odierna.

DAL 14 AL 20 AGOSTO SPLASH BALL – SPIAGGIA ZONA PORTO TURISTICO MARINA DI RAGUSA.

Arrestati due rumeni ubriachi che all’uscita dalla discoteca innescano 8 focolai per provocare l’incendio delle coltivazioni sulla strada Vittoria-Scoglitti

PANAINTE Vlad

La Polizia ha arrestato Vlad Panainte di 29 anni e Marius Bogdan Nastasa di 31 anni, entrambi pregiudicati e dimoranti nel territorio di Gela, per incendio boschivo, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali. Nella notte tra sabato e domenica, nei pressi della Baia Dorica a poche decine di metri da una discoteca, un cittadino aveva segnalato due soggetti intenti ad appiccare degli incendi. Gli agenti di Polizia sorprendevano i due piromani che dopo un vano tentativo di fuga, aggredivano i poliziotti ferendone lievemente uno e tentando di spingere al centro della strada, l’altro. Dopo aver ammanettato i due delinquenti, gli operatori recuperavano gli accendini utilizzati per appiccare i focolai e provvedevano a spegnere con mezzi di fortuna quelli vicini e non ancora fortemente alimentati. Nel frattempo sul posto intervenivano i Vigili del Fuoco per spegnere gli incendi che già si stavano propagando. Nei pressi dell’incendio ci sono stati attimi di panico in quanto i proprietari delle auto, al fine di metterle in salvo dalle fiamme, salivano a bordo nonostante l’incendio ormai vicinissimo. Gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa constatavano la presenza di ben 8 punti di innesco e relativi incendi che, se non vi fosse stato il pronto intervento della Volante della Polizia e dei Vigili del Fuoco, avrebbero devastato un’area vastissima. I due rumeni, una volta condotti negli uffici della Polizia di Stato, ammettevano di aver appiccato gli incendi per gioco in quanto ubriachi. Dopo l’arresto i due criminali sono stati condotti in carcere così come disposto dalla Procura della Repubblica di Ragusa. Ieri, il G.I.P. presso il Tribunale di Ragusa ha convalidato l’arresto applicando la misura cautelare in attesa delle prossime udienze del processo.

Rotaract Club di Ragusa: Stefano Firrito, nuovo presidente

rotary

Il 4 agosto, presso il ristorante “La capinera” a Ragusa Ibla, tra l’incanto del Duomo barocco e l’oasi verde del paesaggio ibleo, il Rotaract club ha organizzato il consueto Passaggio di Campana, in compagnia di altri quattro club della Zona Iblea: Comiso, Modica, Pozzallo-Ispica e Vittoria. Presenti al Passaggio di Campana anche l’R.R.D. per l’anno sociale 2017/2018, Giovanni D’Antoni; l’R.R.D. incoming per l’anno sociale 2018/2019, Pasquale Pillitteri; il Delegato della Zona Iblea per l’anno sociale 2017/2018, Gabriele Massimo Ragusa; il Delegato della Zona Iblea per l’anno sociale 2015/2016, Pasquale Saetta; il Presidente Rotary Ragusa per l’anno sociale 2017/2018 Giuseppe Polara; il Presidente del Rotary Ragusa Hybla Herea per l’anno sociale 2016/2017, nonché delegata Rotary per il Rotaract per l’anno sociale 2017/2018, Giovannella Tumino; il Presidente Inner Wheel Ragusa Centro per l’anno sociale 2017/2018 Lucia Di Paola; il Presidente Inner Wheel Ragusa Centro per l’anno sociale 2016/2017, Lucia Guzzardi Di Paola; il Presidente Leo Club Ragusa per l’anno sociale 2017/2018, Andrea Giummarra ed altre numerose autorità rotariane e rotaractiane. Durante la cerimonia, la Presidente per l’anno sociale 2016/2017 del club di Ragusa, Aurelia Brancato ha passato le consegne al Presidente per l’anno sociale 2017/2018, Stefano Firrito, il quale, insieme al Club, intende portare avanti un Progetto Sociale di rilevanza notevole per il territorio ibleo. Il progetto è stato denominato “Dog(r)evolution: addestrare un cane per trovare una vita“: si intende devolvere alla Protezione Civile di Ragusa il ricavato di parte di attività del nuovo anno sociale per l’addestramento di cani di mantrailing, ossia cani addestrati per ritrovare persone disperse. Il motto di quest’anno sociale, scelto dal Presidente deriva dalla citazione di Confucio: “Chi vede il giusto e non lo fa è senza coraggio”. Dopo il tradizionale passaggio di consegna tra i presidenti, il neo-presidente ha presentato la lista del suo direttivo, così ripartita: Iole Campo, vicepresidente; Paolo Frasca, tesoriere; Aurelia Brancato, consigliere di Club, consigliere distrettuale e Past President; Tiziana Tasca, prefetto; Cesare Di Fini e Sarah La Rocca, segretari. Sono inoltre state conferite le cariche di socio amico a Liliana Battaglia, Carmen Inguanti ed Alessia Milardi. A seguire due nuove socie incoming hanno fatto il loro ingresso nella famiglia del Rotaract club di Ragusa: Francesca Cappa e Giulia Guarino.

CITTA’ DI RAGUSA, PROGRAMMA ESTATE IBLEA 2017

DALI

DALL’8 AGOSTO AL 15 OTTOBRE MOSTRA “DALI’ E I SURREALISTI ITALIANI CLERICI — DECHIRICO — SAVINIO” – RAGUSA, Palazzo La Rocca.

9 AGOSTO ore 22:30 LA PIAZZA IN MUSICA – CONCERTO LIRICO SINFONICO MODERNO – MARINA DI RAGUSA, Piazza Duca degli Abruzzi.

10 AGOSTO dalle ore 18:00 AROUND MUSIC FESTIVAL – MARINA DI RAGUSA, LA ROTONDA Lungomare Andrea Doria.

10 AGOSTO ore 21:30 “IBLA IN FESTA” —COMPAGNIA MANOUCHE —RAGUSA IBLA, Piazza Duomo.

15 volontari dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Santa Croce Camerina appiccavano incendi e simulava richieste di soccorso, arrestato il capo del gruppo

DI VITA Davide 05.06.1975 Vittoria

Davide Di Vita, vittoriese di 42 anni, è stato posto agli arresti domiciliari, per aver fatto parte di un gruppo che, al fine di percepire indebite somme di denaro, appiccava incendi e simulava richieste di intervento. Tutti e 15 i volontari provenienti dalla provincia di Ragusa sono indagati per truffa ai danni dello Stato italiano ed una parte di essi per incendio. I Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Ragusa, nel maggio del 2015, avevano segnalato alcune anomalie connesse a delle incongruenze sulle schede di intervento redatte dal personale volontario del distaccamento di Santa Croce Camerina. Le indagini hanno chiarito che il numero degli interventi effettuati in un determinato turno, rispetto agli altri volontari, era di 3 volte superiore. E’ stato appurato che, per ottenere indebite percezioni di denaro, venivano simulati interventi mediante segnalazioni inesistenti, effettuate anche da parte di amici e parenti,  o addirittura venivano dolosamente generati incendi a cassonetto e terreni. Gli indagati non si preoccupavano di utilizzare i loro stessi telefoni cellulari per simulare le richieste. Parenti ed amici venivano istruiti, ma ogni tanto commettevano errori: esaminando tutte le singole schede d’intervento si è riusciti scoprire la ripetitività di alcuni nomi, poi risultati di parenti (anche loro coinvolti nell’indagine) degli indagati così come alcuni numeri di telefono ripetuti ma cambiava il nominativo del richiedente. Grazie all’installazione di sistemi di localizzazione gps sulle autobotti ed i mezzi dei Vigili del Fuoco, così come sulle auto in uso agli indagati, si è potuto appurare che Di Vita, con la complicità degli altri volontari, durante il turno di servizio, a bordo della sua auto si allontanava dal distaccamento di Santa Croce Camerina, appiccava l’incendio o effettuava una segnalazione falsa, poi rientrava in caserma ed aspettava che la centrale operativa del 115 li inviasse sul posto.

IL CONCERTO DEI NOMADI HA CHIUSO LA MANIFESTAZIONE DEDICATA ALL’ECCELLENZA RAGUSANA NEL MONDO

nomadi 1Si è chiusa in piazza Libertà con un grande concerto la XXIII edizione del premio “Ragusani nel mondo”. I Nomadi sono stati gli assoluti protagonisti della terza ed ultima giornata della kermesse. Nel pomeriggio di sabato, prima del concerto, si è svolta la cerimonia di intitolazione della piazzetta in via Torricelli, angolo via Colajanni, a Ragusa ad Augusto Daolio, fondatore del gruppo, alla presenza della band e di tanti fans del gruppo. Prima del concerto c’è stato un omaggio allo sport ibleo di eccellenza, con il ciclista Damiano Caruso di ritorno dal recente Tour de France, che ha ritirato il Premio Ragusani nel Mondo assegnato due anni fa, ed ancora riconoscimenti per la squadra di Pallamano Andrea Licitra Ragusa promossa in A1, per la Scherma Modica con i vertici della scuola, e spazio al judo e altre discipline con la Basaki.

A POZZALLO PRESENTAZIONE DEL LIBRO L’AMORE NELLA NOTTE DEI FALÒ

nicola colombo

L’amore nella notte dei falò e altre storie di mare e di costa ritrovate è il titolo della nuova fatica letteraria di Nicola Colombo. La raccolta di racconti sarà presentata Mercoledì 9 agosto alle ore 20.30 in piazza Municipio a Pozzallo con il seguente programma: dopo la presentazione dell’evento a cura del giornalista Marco Sammito, conduttore della serata, toccherà a Diego Guadagnino, poeta e scrittore, svolgere la nota critica sulla pubblicazione. Previsto altresì l’intervento dell’editore Armando Siciliano mentre tra un intervento programmato e l’altro saranno le musiche del Duo Coppola e il reading curato dall’attore Enzo Ruta ad intrattenere i partecipanti. Sarà presente l’Autore che, al termine, terrà un breve intervento. “L’amore nella notte dei falò – spiega Nicola Colombo – conclude il dittico del ciclo di racconti su mare e marinai aperto nel 2011 con la pubblicazione de L’acqua e il sale di Pinò. Sia quest’ultimo volume che raccoglie undici storie che la nuova pubblicazione, che ne assomma altre quattordici, sono storie da me scritte a cavallo degli ultimi due decenni del secolo scorso. Un arco di tempo di circa quindici anni che testimonia una gestazione meditata e che finalmente ora si completa”. “Al centro – continua l’Autore – ancora una volta la memoria del mare che rappresenta il monumento immateriale della marineria pozzallese e oserei dire dell’intera marineria italiana. Una memoria collettiva che va salvaguardata e tramandata a quanti, domani, del mare ne faranno una ragione di vita e di esistenza”. “Per me – conclude Nicola Colombo – è una doverosa testimonianza di affetto e riconoscenza nei confronti di quei giganti dei mari, come sono stati definiti i marittimi, che hanno navigato tutti gli oceani sfidandone tempeste e fortunali. Tante volte riuscendo a domarne gli impeti e pure, alle volte, subendo il naufragio, sia fisico che esistenziale”. Nicola Colombo che si definisce un operaio di storie, con L’amore nella notte dei falò e altre storie di mare e di costa ritrovate è giunto alla sua settima pubblicazione. Le precedenti opere sono: Il paese delle stelle (romanzo, Meeting edizioni, 1988); L’acqua e il sale di Pinò e altre storie di mare, di costa e d’amore (racconti, GdS edizioni, 2011); Ritratto di un insegnante elementare. Rino Giuffrida maestro di scuola, maestro di vita (romanzo/memoria, edizione riservata, 2012); La prima vera estate (romanzo, Melino Nerella edizioni, 2013); I traslochi delle passioni (romanzo, Melino Nerella edizioni, 2015); L’ultimo viaggio del marinaio fantasma (racconto lungo, Edizioni ilminutod’Oro, 2016).

Lotto autostradale Rosolini – Modica: l’opera rischia di non essere completata, 150 lavoratori licenziati

rosolini modica

I segretari generali di Fillea–Cgil, Filca-Cisl,Feneal-Uil, di Ragusa,Franco Cascone, Paolo Gallo e Niccolò Spadaccino, in una nota denunciano il licenziamento degli operai della CO.SI.GE. dal 31 luglio scorso con “effetti devastanti per l’indotto e le famiglie”. Si legge nella nota: “La causa di questa drammatica situazione, che ha lasciato senza certezze e senza prospettiva quasi 200 famiglie, è da ricondursi al cinismo e all’inerzia dei diversi enti preposti alla realizzazione dell’importante infrastruttura, che, nonostante le grida di allarme lanciate più volte dalle tre organizzazioni sindacali di categoria Feneal-Filca e Fillea e dalle tre confederazioni Cgil-Cisl-Uil, nonostante i pressanti appelli rivolti agli enti nazionali e regionali (Cas, Anas, Regione) attraverso le proteste portate davanti alla Prefettura con presidi degli operai, hanno continuato nella loro inerzia e nello scaricabarile non mantenendo nessuno degli impegni assunti solennemente davanti al Prefetto di Ragusa, a partire dall’impegno assunto da CO.SI.GE. di avviare le procedure della richiesta di Cigo per scongiurare i licenziamenti. A questo punto rischia di tramontare definitivamente la possibilità di completamento dell’opera; l’importante arteria resterà l’ennesima incompiuta e un intero territorio resterà devastato e ancora una volta pesantemente beffato. Le possibilità di sviluppo del territorio che si sarebbero potute innescare per i propri comparti economici fondamentali (agricoltura, turismo, trasporti, industria etc.) vengono ancora una volta mortificati e penalizzati da giochi politici cinici e paradossali. Al licenziamento dei lavoratori e al dramma lavorativo si accompagna e si aggiunge la crudele beffa delle popolazioni di un intero territorio che attendevano giustamente di essere finalmente dotati di una così importante infrastruttura. Le organizzazioni sindacali, con il pieno sostegno dei lavoratori, si sono duramente opposte ai licenziamenti effettuati da Co.Si.GE, presidiando il cantiere per ben due giorni con assemblee permanenti. Ben poco però è stato possibile ottenere di fronte alla ferrea volontà dell’impresa di cessare l’attività del cantiere, stante il permanere di tutti quegli ostacoli, economici e tecnici, che avrebbero dovuto  già da tempo essere rimossi. In questa battaglia siamo rimasti in perfetta solitudine: nel silenzio assordante della politica, delle istituzioni locali e soprattutto con la ripetizione stucchevole da parte degli Enti preposti di un copione recitato da tre anni a questa parte: “ora farò, ora provvederò, ora pagherò..”. Guardandosi bene però dal dare seguito effettivo e concreto agli impegni assunti. La sconfitta dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali materializzatasi con le lettere di licenziamento delle maestranze rischia, però, di essere anche la sconfitta dell’intero territorio. La FLC non intende rassegnarsi a questa paradossale situazione: c’è il lavoro, ci sono i soldi (buona parte dei quali concessi dall’UE e che rischiano di essere perduti per sempre) e l’opera è bloccata. Lanciamo un appello ai cittadini per unirsi alla battaglia dei lavoratori che rivendicano il loro sacrosanto diritto a ritornare al lavoro; soprattutto lanciamo un appello a tutto il mondo politico-economico-sociale e istituzionale locale affinché ci sia una forte e determinata mobilitazione, nonostante ci troviamo in pieno agosto, per pretendere che ogni soggetto responsabile faccia finalmente la sua parte per vedere proseguita e portata a compimento l’opera. E’ a questo fine che le tre O.S. di categoria e confederali hanno proclamato per lunedì prossimo alle ore 17,00  nell’aula consiliare di Pozzallo, convocando in quella sede sindaci, deputazioni regionali e nazionali, giunte comunali e presidenze dei  consigli comunali”.

Scroll To Top
Descargar musica