17-01-2017

GOCCE DI PIOGGIA ALL’INTERNO DELL’OSPEDALE E DELLA RSA DI COMISO LA DIREZIONE SI SCUSA

 

download (1)A seguito delle piogge particolarmente intense si sono verificate delle infiltrazioni di acqua piovana nella struttura dell’Ospedale di Comiso e nella adiacente Residemnza sanitaria assistita. Le infiltrazioni hanno causato dei gocciolamenti visibili all’interno di alcuni locali di degenza. Un primo intervento d’urgenza da parte dell’Ufficio tecnico aziendale consistente nel posizionamento di teli impermeabili a copertura temporanea delle superfici del tetto, è stato vanificato dal forte vento che ha rimosso i teli. La Direzione si scusa con gli utenti e con tutto il personale per il disagio, cui, mediante l’intervento del servizio tecnico, si sta cercando di porre rapidamente rimedio.

 

GIARRATANA, FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE

Processione Sant'Antonio Abate 2017 per il centro storicoMomenti significativi, carichi di pathos religioso, in cui la tradizione ha continuato a farla da padrone, quelli che, hanno caratterizzato i solenni festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate a Giarratana. Nonostante il tempo incerto, le due processioni in programma hanno consentito di onorare al meglio una delle figure più venerate nel centro montano degli Iblei. A presiedere i riti religiosi, però, è stato il vicario foraneo della zona montana, don Salvatore Vaccaro, parroco a Chiaramonte, a causa dell’indisponibilità dell’ultimo momento sia del nuovo parroco di Giarratana, don Mariusz Starczewski, sia del vicario, don Giovanni Piccione. I componenti del comitato, così, durante la mattinata, hanno portato a spalla il secentesco simulacro per le viuzze della cittadina vecchia.  C’è stata come ogni anno la benedizione degli animali che rientra nel carisma specifico di Sant’Antonio Abate. La festa, in città, è molto sentita e affonda le radici in antiche tradizioni. Martedì 17 gennaio, sarà celebrata la festa liturgica dedicata al santo e i fedeli a Giarratana torneranno di nuovo ad essere in prima linea con tutta una serie di appuntamenti religiosi particolarmente sentiti.  A mezzogiorno è in programma lo sparo di colpi a cannone proprio nella giornata che la chiesa universale dedica a Sant’Antonio abate.

Gradimento Governatori, Crocetta ultimo

Gradimento dei governatori, Rosario Crocetta ultimo: solo il 28% dei siciliani lo confermerebbe

Passalacqua serie B, vittoria sul campo della Lazur

serie_bBella vittoria, nel campionato di serie B, per le giovani della Passalacqua spedizioni, che si sono imposte sul parquet della Lazur Catania con il punteggio di 52-67, nella gara valida come quarta giornata del girone di ritorno. Si trattava del primo di due impegni nel giro di 24 ore che le giovani biancoverdi, allenate da coach Svetlana Kuznetsova si troveranno a disputare. Questo lunedì infatti alle ore 19,00, Bongiorno e compagne saranno di scena al PalaPentimele di Reggio Calabria contro la Magic Basket 2003, formazione già battuta nettamente nella gara d’andata.

TRE BIS E TANTI APPLAUSI PER IL “GRAN GALA’ DELLA LIRICA” CHE HA APERTO IERI SERA A RAGUSA IL 2017 DELLA STAGIONE “MELODICA”

melodica gran gala lirica (2)Straordinario il “Gran Galà della Lirica” che si è svolto al Teatro Don Bosco di Ragusa per la 22° Stagione Concertistica Internazionale “Melodica” patrocinata dall’Assessorato agli Spettacoli del Comune di  Ragusa. Protagonisti il soprano Silvia Di Falco e il tenore Andrea Casablanca che, accompagnati al pianoforte dalla pianista Diana Laura Nocchiero, hanno presentato celebri brani tratti da opere e operette di grande successo e fama. Bellissimi, romantici e divertenti i duetti interpretati insieme dalla Di Falco e da Casablanca, sempre in grande sintonia interpretativa e timbrica.  Diana Laura Nocchiero al pianoforte, direttrice artistica di “Melodica”, ha rappresentato un saldo e sicuro punto di riferimento per i cantanti e anche una presenza familiare per il pubblico ragusano. Lunghissimi gli applausi del numerosissimo pubblico presente tanto da far concedere agli artisti ben  tre bis. Uno di questi è stato il “brindisi” più famoso al mondo, tratto da “La Traviata”, ed anche il pubblico è stato coinvolto  come coro. La stagione Melodica inizia così il 2017 nel migliore dei modi, con un altro appuntamento di altissimo spessore artistico. Prossimo concerto “Danze Spagnole” è in programma sabato 28 gennaio presso il Teatro Don Bosco, con il chitarrista  Luca Lucini  e il pianista  Matteo Falloni. Per info è possibile visitare il sito internet www.melodicaweb.it / 333 4326158.

L’ASP ADERISCE  ALLA CAMPAGNA:  TRE NOCI AL GIORNO A DIFESA DEL CUORE

 

downloadL’Azienda Sanitaria di Ragusa ha raccolto l’invito, delle Associazioni “Amicuore Ragusa Onlus”,  Cittadadinanzattiva e Tribunale dei diritti del malato,  a partecipare  alla Giornata “Tre noci al giorno a difesa del cuore”.  Sono state allestite  due postazioni all’interno dell’Asp: una all’ospedale “Civile” con la partecipazione del coordinatore di Cittadinanzattiva di Ragusa, prof.ssa  Marisa Simonelli; il responsabile del Tribunale del diritto del malato – TDM, dr. Salvatore Barresi e padre Giorgio Occhipinti; direttore dell’Ufficio della Pastorale e diversi Volontari. Contestualmente,  all’ospedale “M. Paternò Arezzo”, erano  presenti il dr. Antonino Nicosia, direttore Scientifico dell’Associazione Amicuore, la dr.ssa Lucia Ingaro, presidente dell’Associazione e alcuni  Volontari. Si chiama  frutta secca, ma non è frutta. Le noci, le nocciole e le noccioline, i pistacchi, le mandorle sono in realtà il seme della pianta, depositario di sostanze nutritive importanti. In particolare le noci. E’ ormai “sapienza” diffusa che 3-4 noci al giorno incidono positivamente sulla salute sotto diversi profili. Una funzione è quella  di abbassare, significativamente,  i fattori di rischio cardiovascolare e l’incidenza di infarti nelle persone sane. Ma le noci porterebbero benefici anche nell’abbassare il colesterolo e regolare la pressione sanguigna e sono consigliate a chi soffre di diabete per tenere sotto controllo effetti e rischi secondari della malattia. Essenziali nella dieta, le noci sono un seme-frutto ricco di proteine e carboidrati  ma soprattutto di grassi, dei quali soltanto il 10% sono saturi, cioè grassi “cattivi”. Il resto sono grassi “buoni”, essendo insaturi, e i loro effetti benefici sono ormai ben conosciuti tra il largo pubblico. Soprattutto sono note le potenzialità preventive e curative degli acidi grassi omega 3, che si trovano anche nel pesce, nei semi, oltreché nella frutta secca, tutti cibi che, spesso,  scarseggiano nelle nostre abitudini alimentari. Parliamo di fibra: ne occorrono 30 grammi al giorno. Le noci non ne sono particolarmente ricche, ma possono ben contribuire accanto a frutta, verdure, cereali integrali e legumi al fabbisogno quotidiano. Il “guscio” della noce un “guscio”  protettivo per il nostro cuore, in particolare.

 

              

LA PASSALACQUA STACCA IL PASS PER LE FINAL FOUR

festeggiamentiVittoria sudata, cercata ed ampiamente meritata per la Passalacqua Ragusa che domenica  ha violato il parquet di San Martino di Lupari ed ha centrato la qualificazione alle Final Four di Coppa Italia, che si terranno il 25 e 26 febbraio, con sede ancora da definire. Ragusa se la vedrà con Lucca in semifinale, mentre dall’altra parte si troveranno di fronte Schio e Venezia. In una partita nella quale la situazione falli poteva costituire un fattore determinante ai fini del risultato, Ragusa ha trovato nell’esordiente Larkins, ma anche in una ritrovata Gaia Gorini le sue autentiche trascinatrici. Poi la nostra squadra ha raggiunto il punteggio finale di 68-73. “Purtroppo – commenta coach Gianni Lambruschi – c’è stato ancora una volta il nostro solito inizio lento, con poca applicazione difensiva. Tutto questo è costato un carico di falli spropositato sulle nostre lunghe, frutto di una scarsa concentrazione, che non è di certo giustificabile con la presenza di una nuova giocatrice, che alla fine ha preso 20 rimbalzi e che ha messo tanta buona volontà nel cercare di capire le abitudini delle sue nuove compagne. Adesso andiamo alle Final Four per difendere il titolo”. La comitiva biancoverde non farà rientro a Ragusa dato l’impegno ravvicinato di mercoledì a Nymburk nella gara d’andata del round of 16 di Eurocup. Il match è in programma alle ore 20,00. Si replica il 25 gennaio al Palaminardi alle ore 20,30 nella gara di ritorno.

Governance Poll, crolla la fiducia dei cittadini per Piccitto,il commento del Laboratorio 2.0

grillo-piccitto-matteoderrico“La classifica annuale sul gradimento dei sindaci, pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore, vede Ragusa e quindi Piccitto al 98esimo posto, su 103, perdendo oltre il 23,4% del consenso rispetto alla data dell’elezione. Ve lo ricordate quel 69% incassato dal primo cittadino nel 2013? Oggi è il 46%. Una scivolata vertiginosa: dal 43esimo posto del 2015 al 98esimo, dal 55% al 46%, in soli due anni. Il dato complessivo, dal 2013 a oggi, è così evidente che viene citato perfino in un articolo dell’autorevole quotidiano facendo il paragone con il sindaco capitolino Virginia Raggi, penultima in classifica perdendo il 23% in appena sei mesi di amministrazione”.  Così l’associazione Laboratorio 2.0 creata da Sonia Migliore che aggiunge:” Denunciamo da tempo: inadeguatezza politica accompagnata da insipienza amministrativa. Ma per Grillo e Cancelleri il sindaco di Ragusa è il migliore d’Italia. Il sondaggio IPR Marketing conferma l’inadeguatezza di una classe politica grillina, che non riesce ad andare oltre alla protesta. Noi che andiamo in giro per la città, non siamo stupiti dall’inevitabile perdita di consenso, un dato che lo stesso Piccitto potrebbe ricavare facilmente se incontrasse di più i cittadini. Conoscendo lo stile del M5S ibleo, adesso non ci aspettiamo nessun mea culpa, nessuna ammissione di responsabilità, non pensiamo che i grillini oggi riusciranno ad aprire gli occhi. Con ogni probabilità, anzi, racconteranno in giro la solita manfrina sull’opposizione rancorosa. Forse diranno che all’IPR lavorano esponenti dell’opposizione ragusana, saturi di odio…”

PUNTA BRACCETTO, LADRO AGGREDISCE CON UN PUGNALE I CARABINIERI

SONY DSC

Sabato sera a Punta Braccetto, frazione di Santa Croce,  i Carabinieri hanno colto in flagranza di reato un tunisino che, dopo aver forzato una porta finestra si è introdotto in un’abitazione. I militari hanno notato la porta aperta ed entrati anch’essi nell’abitazione hanno visto il ladro  rovistare nei cassetti del comò in camera da letto. Il tunisino si è scagliato contro i militari  con un pugnale lungo 20 cm e da lì ne è nata una colluttazione all’esito della quale i militari sono riusciti comunque a disarmarlo, bloccarlo e portarlo in caserma. Poco prima il “topo d’appartamento” aveva tentato di introdursi in un’altra abitazione provando anche lì a forzare una portafinestra ed era stato allontanato dalle urla della signora che era all’interno ed aveva sentito il rumore. Il 26enne tunisino è stato quindi arrestato per tentato furto in abitazione continuato, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi. A suo carico risultano numerosi precedenti per furto, ricettazione e spaccio di stupefacenti.

On. Nino Minardo: maltempo e gelate, prezzi ortofrutta alle stelle ed è allarme speculazioni. Interrogazione per immediati interventi di tutela per produttori e consumatori

ortaggi FOTOIl maltempo di queste settimane, che ha colpito violentemente l’isola ha determinato un grave ridimensionamento delle consegne degli ortaggi. Molte aziende agricole sono in grave difficoltà; le attività di produzione degli ortaggi invernali costituiscono elementi fondamentali per lo sviluppo dell’economia siciliana e della provincia di Ragusa. Tutto ciò in alcuni casi sta comportando un sostanziale aumento dei prezzi dei prodotti agricoli. Il parlamentare nazionale, Nino Minardo, ha presentato in proposito un’interrogazione al Ministro per le politiche agricole al fine di avviare immediatamente interventi di tutela e salvaguardia per i produttori e per i consumatori. Non solo il maltempo, ma la crisi e le malattie che hanno colpito nei  mesi passati alcune specie di prodotti  ( tipo la virosi del pomodoro), stanno dando il colpo di grazia definitivo al comparto con conseguenze a danno dei consumatori. Con i prezzi che aumentano in modo vertiginoso c’è il rischio, dichiara Minardo, di forti speculazioni per cui prodotti provenienti da paesi esteri vengano venduti come prodotti italiani. Per questo è stato chiesto al Ministro di monitorare ancora di più questo aspetto a difesa dei prodotti made italy e della salute dei cittadini.

LO SCHIANTO DI PICCITTO, NOTA DI CHIAVOLA E D’ASTA

Mario Chiavola e Mario D'Asta“Il sindaco Piccitto continua a perdere posizioni sul piano del gradimento da parte della città. Non lo diciamo certo noi ma la classifica sulla governance poll pubblicata, come da tradizione, dal quotidiano economico “Il sole 24 ore”. Un calo repentino – affermano i consiglieri comunali del Pd Mario D’Asta e Mario Chiavola – se si riflette sul fatto che rispetto al 2013 il primo cittadino ha perduto qualcosa, in termini di consenso, pari al 23,4%, scivolando addirittura al 98esimo posto. Come andiamo dicendo da tempo, la città avverte la continua disattenzione di questo sindaco nei confronti delle esigenze primarie che sarebbe indispensabile mettere sempre in vetrina. E tutto ciò a fronte di un incremento della tassazione che ha davvero dell’incredibile. Insomma, come si dice, “cornuti e mazziati”. Si pagano più tasse senza, al contrario, avere in cambio servizi migliori, all’altezza della situazione. Ecco perché, come sosteniamo da tempo, è arrivato il momento per questo sindaco di fare l’unico atto dignitoso necessario, farsi da parte”.

CLASSIFICA GRADIMENTO SINDACI, TONFO DI FEDERICO PICCITTO AL 98ESIMO POSTO

piccittoVa al sindaco di Torino, Chiara Appendino del Movimento Cinque Stelle, la pole position del Governance Poll 2016, l’annuale classifica di gradimento realizzata dall’Istituto Ipr Marketing per un sondaggio de Il Sole 24 Ore. Al secondo posto si piazza il primo cittadino di Firenze Dario Nardella, del Pd, mentre al terzo l’indipendente ed ex grillino Federico Pizzarotti, che dal 2012 amministra la città di Parma. Se il gradimento della Appendino a Torino è in netta ascesa, a Roma Virginia Raggi non se la passa benissimo. Secondo i sondaggisti, ha perso un terzo del consenso ottenuto alle elezioni della scorsa primavera, piazzandosi al penultimo posto di questa classifica, alle spalle dell’amministratrice di Alessandria Maria Rita Rossa. Ottimi piazzamenti per Luigi De Magistris a Napoli, Luigi Brugnaro a Venezia, Luca Perrone a Lecce, Damiano Colletta a Latina, Vincenzo Napoli a Salerno, Clemente Mastella a Benevento, mentre a Milano, il neo eletto Beppe Sala, si piazza al 30esimo posto. Riguardo Ragusa tonfo dI Federico Piccitto. Il sindaco cinquestelle precipita nei consensi piazzandosi al 98esimo posto su 104, a pochi passi da Virginia Raggi.

L’ARRESTO DI SASA’ CINTOLO E L’INTIMA DISPERAZIONE DI RAGUSA

nello e sasàNon si aspettava l’arresto di Sasà Cintolo anche se tutti i nostri concittadini che contano sapessero, per le assidue frequentazioni palermitane, che l’ex presidente del Coni era nei guai sino al collo. Si credeva che tutto finisse lì – nell’allontanamento dal mondo dello sport – senza  conseguenze eclatanti, senza punizioni plateali. Lo stesso Cintolo si era forse convinto che la vicenda rimanesse confinata nei limiti di un violento contrasto interno al Coni, ed è per questo che quando il caso esplose decise con scaltrezza di sottolineare, durante una conferenza stampa, i suoi rapporti intensi e sinceri con il sottosegretario di Stato Davide Faraone del partito democratico. Non era un messaggio allusivo, era solo il certificato di appartenenza a una cerchia inviolabile per consolidata struttura. Per decenni Cintolo è stato coprotagonista della politica comunale e poi massimo dirigente del mondo dello sport ibleo, divenendo persino nel 1998 il candidato progressista che doveva strappare l’ente Provincia al presidente Giovanni Mauro di Forza Italia, in un percorso che va dai primi anni 80 con il pentapartito e poi sfocia nella braccia di Nello Dipasquale nelle due versioni dapprima berlusconiana e poi renziana. E’ un  sistema di potere che quando ha tracimato nella corruzione e nell’avidità  è stato colpito ovunque – mafia capitale che non si esaurisce e non si supera è l’esempio migliore per comprendere la radicalizzazione tentacolare del fenomeno – ma qui a Ragusa aveva invece conservato, nonostante l’atmosfera di naturale rigetto di massa, una buona forma che si era però  dovuta adattare alla cattività dei tempi rincantucciandosi con sdegno nei propri compartimenti – lo sport, la cultura… –  sperando che l’onda grillina si esaurisse. La questione che poniamo oggi è semplice: l’arresto di Cintolo – che coinvolge è chiaro solo le responsabilità dei singoli soggetti coinvolti anche se gli inquirenti dovranno verificare tutti i rapporti ed i legami intercorsi tra l’indagato e le pubbliche amministrazioni, in testa Comune e Provincia, ed infatti c’è stato un blitz a Palazzo di viale del Fante e sono stati sequestrati documenti e computer – l’arresto, dicevamo, incide nella battaglia politica intrapresa con vigore dalle opposizioni contro il governo Piccitto? Non parliamo solo della credibilità andata in frantumi del partito democratico che fa riferimento a Nello Dipasquale che in modo assai poco onorevole non ha avuto il coraggio di spendere una parola o di solidarietà o di fiduciosa attesa (come si dice in queste triste occasioni)  o di precipitoso distinguo su quanto accaduto al suo amico di tante avventure (ricordiamo Cintolo a capo della lista “Dipasquale sindaco” e poi esponente di punta di Territorio e poi frequentatore convinto del Pd  di governo) ma di una intera città politicizzata che delusa e afflitta dai limiti dell’esperienza cinquestelle tenta di trovare nuove alternative per governare Ragusa. Ha lasciato di stucco il silenzio di maggioranza e opposizione durante l’ultima seduta del consiglio comunale quando già era avvenuto l’arresto. I grillini che dovevano sfoggiare il meglio delle loro invettive e del loro giacobinismo contro la partitocrazia spazzata e tutto il resto della loro consolidata e vincente propaganda sono rimasti zitti, e l’opposizione che doveva immediatamente e strumentalmente chiedere conto all’amministrazione delle relazioni con la scuola dello sport dalle origini ai nostri giorni anch’essa ha scelto il silenzio. Mario Chiavola del Pd è intervenuto, con passione, riguardo “l’oscenità” dello spettacolo offerto il 31 dicembre in piazza San Giovanni  colpito dai culi e dalle tette di due show girl, e una cinquestelle, tale Franca Antoci di cui si sconosce la voce, ha implorato a gesti che si chiudesse una porta da dove entrava il freddo. Questo silenzio globale non è prudenza e rispetto per il lavoro degli  inquirenti è solo imbarazzo ed evitamento: la Ragusa che ci rincuora, che ci ha visto diventare uomini e donne maturi e consapevoli , che ci ha offerto tranquillità e benessere è la città di provincia sacralizzata e inviolabile dove, per sintesi estrema, Cintolo era il padrone indiscusso di un settore della realtà civica, lo sport in questo caso. Non è stata ancora formulata (e sono passati già 25 anni dalla legge sull’elezione dei sindaci) una ipotesi amministrativa che scardinasse quel sistema che in qualche modo era comunque riuscito a dare dignità e struttura ad una piccola città come la nostra. Ed è proprio questo atteggiamento di sudditanza genetica nei confronti del sistema che ci ha generato, l’origine del grillismo in salsa iblea che ci offre Piccitto. Non è solo l’assenza di idealità, la fluttuazione continua tra principi diversi, l’ignoranza profonda che attraversa il movimento cinquestelle a consegnarci la debolezza del governo grillino – carenze che costituiscono solo una cornice irritante e folcloristica per rozzezza  e incapacità relazionale – quanto piuttosto le fondamenta culturali in cui sono cresciuti il sindaco e gli altri giovani ragazzi del gruppo che oltre ad un’improvvisata e sana ribellione viscerale e di partenza non sono riusciti a infondere nei ragusani la necessità  di uscire dagli schemi e dalle certezze imposte; ed infatti il tema principale della questione Ragusa che è lo smembramento della comunità ossia l’urbanistica non è stato affrontato con il coraggio rivoluzionario che si imponeva. Si dirà: cosa c’entra il sacco di Ragusa con l’arresto di Cintolo? Non ci sono, è vero, collegamenti visibili, ma c’è comunque una verità – può apparire forse forzata-  che è anch’essa però fonte profonda della intima corruzione della nostra città. La scuola dello Sport fa parte della nuova e orribile Ragusa della folle espansione edilizia, dove non esiste più il controllo comune, e dove ognuno è padrone indiscusso dello spazio senza storia strappato alla campagna, ottenuto succhiando danaro dalle mammelle della regione a cui sono perennemente attaccati i costruttori, luoghi di invasione, dove tutto è consentito, dove non c’è regola morale. Servirebbe riflettere per bene su questa propaggine tumorale della città. L’arresto di Cintolo dà una mano ai grillini: la gente penserà che per quanto arroganti almeno non fanno parte di vecchie combriccole. Domanda finale. Esiste ancora la possibilità che una sinistra vera non dominata dal trasformismo, dalla sete di potere, dal credo neoliberista che ha conquistato gran parte del Pd, riesca a diventare, al di là della corsa elettorale, un riferimento per il riscatto e la crescita di Ragusa? Il vecchio a Ragusa non passerà più e la sfida sarà senz’altro di contenuto politico come avvenuto nell’elezione di Piccitto. L’opposizione forse lo deve ancora capire. Concludiamo con l’immagine di Peppe Calabrese che fischia davanti al Comune e grida dentro al megafono “cinquestelle a casa!”. Erano 28. C’erano i fedelissimi di Dipasquale. Ne mancava solo uno, impossibilitato causa forza maggiore.

Ragusa, presentata Erlana Larkins

larkins1

E’ partita per San Martino di Lupari la Passalacqua spedizioni Ragusa per la gara di Coppa Italia che mette in palio l’accesso alla Final Four. Con il gruppo anche Erlana Larkins, che è stata presentata ufficialmente al Palaminardi di Ragusa, alla presenza del presidente della società biancoverde, Gianstefano Passalacqua, del tecnico Gianni Lambruschi e del medico sociale Nello Bocchieri. Le visite mediche, che si sono tenute prevalentemente al centro Salus, sono state superate in maniera ottimale, così come ha sottolineato lo stesso Bocchieri: “Dopo le visite mediche alla Salus, il dottore Arestia l’ha sottoposta ad esami in ospedale e possiamo dire che ha superato ottimamente gli infortuni che aveva patito nei mesi precedenti. La ragazza ha una situazione di tipo fisico invidiabile, ovviamente è stata ferma ed ha fatto poco basket, quindi dovrà inserirsi pian piano, ma questo sarà un fatto prevalentemente tecnico”. Il presidente Passalacqua ha invece spiegato i motivi del ritardo: “Un contratto per avere valore deve essere registrato in Fiba, quindi noi abbiamo fatto l’annuncio sulla base di un’intenzione, ma tra l’intenzione e la fase di registrazione del contratto c’è stata la richiesta di un’altra squadra che ha fatto del disturbo. Ovviamente Erlana, anche perché in America c’è un procuratore e più agenti mandatari in giro per l’Europa, non sapendo quale fosse ancora la sua destinazione, ha atteso qualche giorno per essere sicura che fosse effettivamente Ragusa. E adesso è venuta molto contenta. Per noi è un grande piacere averla qui, ed è un piccolo sogno che si avvera dopo tre anni di attesa perché abbiamo avuto modo di ammirarla in 5 scontri con Schio e ci ricordiamo quanto ci abbia fatto male”. La stessa giocatrice si è mostrata entusiasta dell’esperienza che sta per iniziare: “Sono contenta e veramente eccitata, ringrazio il presidente per l’opportunità che mi ha dato e voglio cercare di portare il titolo a Ragusa”. Coach Lambruschi ha chiarito: “Abbiamo visto che possiamo benissimo arrivare alla final four di Coppa Italia, ed andare avanti in Eurocup, oggi pomeriggio tra l’altro ci siamo allenati molto bene, c’era tutta un’altra atmosfera. Larkins inoltre non è ovviamente una giocatrice a cui manda l’esperienza, ha uno sguardo gentile ma non credo che sarà gentile quando sarà in campo”. Dopo la partita di San Martino di Lupari la squadra non farà ritorno a Ragusa a causa dell’impegno ravvicinato di mercoledì 18 gennaio che la vedrà a Nymburk nella gara d’andata del round of 16 di Eurocup.

SISMA ’90, I RIMBORSI DELLE TASSE SPETTANO AI CITTADINI DI SIRACUSA, RAGUSA E CATANIA

 

Geraci, Laterra, Cuchel “Non può passare inosservato il fatto che – sostengono i presidenti di Ragusa e Siracusa dell’Associazione nazionale commercialisti, Antonietta Laterra e Salvo Geraci – con la Finanziaria 2014, il governo di turno ha contorto e reso più difficile la possibilità di ottenere il sospirato rimborso che fino ad allora veniva pressoché riconosciuto a tutti coloro che avevano presentato l’istanza. Questa nuova legge, purtroppo, esclude categoricamente tutte le imprese che avevano pagato le imposte per gli anni 1990, 1991 e 1992, che fino alla data dell’approvazione della legge del 2014, avevano ottime ragioni di sperare; ma quello che è più odioso è l’aver escluso i lavoratori dipendenti che ebbero a presentare l’istanza di rimborso oltre il termine del 30 marzo 2010. Inoltre lo stesso governo, neppure un anno fa, rispondendo all’interrogazione di un parlamentare, ha ribadito che non intendeva ritornare sui suoi passi”. “Ecco perché i commercialisti, ed in particolare l’Anc, – spiegano ancora i due presidenti – impegnatisi fino a questo momento nella battaglia di riconoscimento dei diritti dei lavoratori, quasi mai sotto i riflettori, anzi in modo sommesso, hanno portato a casa i risultati che la Corte di cassazione oggi avalla. Risultati che, adesso, sono patrimonio di tutti e a tal fine si segnala l’ennesima ordinanza della Cassazione civ. Sezione VI – 5 Ordinanza, 26-09-2016, n. 18905. Ma molti lavoratori saranno delusi a causa di scelte legislative sbagliate. Tuttavia ancora si tenteranno strade e percorsi di diritto fino ad adire alle autorità Ue, al fine di raggiungere il risultato di eliminare la legge che lede il c.d. legittimo affidamento di ogni persona che aspira al rimborso, anche grazie al lavoro di convegnistica e di ricerca che l’Anc, presieduta a livello nazionale da Marco Cuchel, porta avanti con il supporto scientifico del dott. Ivano Tarquini. Quindi la vera battaglia, oggi, è quella di eliminare questa assurda e incomprensibile normativa che riconosce nuove motivazioni agli uffici al fine di negare il rimborso”.

Arrestato un 43enne ragusano per aver posizionato e tentato di far esplodere un ordigno davanti alla Questura

questura nuovoNotte movimentata per le Forze di Polizia a Ragusa. Una pattuglia della Stazione Carabinieri nel transitare alle ore 22.40 di venerdì davanti la Questura notava una Fiat Bravo parcheggiata nei pressi dell’ingresso, da cui scendeva un uomo che, dopo aver prelevato dal bagagliaio una bombola di gas gpl, la posizionava sul marciapiede. Insospettiti da questi movimenti, i militari, fermandosi, si avvicinavano al soggetto, parzialmente travisato da un cappellino ed una sciarpa, chiedendogli spiegazioni sul comportamento e sulle ragioni di sua presenza sul sito – questi precisava che stava per collocare un ordigno. I due militari hanno quindi bloccato e ammanettato l’uomo. La bombola di gas è risultata essere già stata confezionata per facilitare l’accensione con del cotone idrofilo imbevuto di benzina che l’uomo aveva inserito negli incavi sulla sommità e sul fondo della stessa. Personale della Questura di Ragusa, accortosi di quanto stesse accadendo, ha coadiuvato i militari dell’Arma a mettere al sicuro l’uomo, arrestato in flagranza per il reato di strage, nonché per mettere in sicurezza i luoghi. Dentro l’autovettura dell’uomo è stato rinvenuto il materiale dello stesso tipo utilizzato per il confezionamento dell’ordigno (cotone idrofilo ed una tanica da due litri parzialmente piena di benzina). In sede di perquisizione, estesa presso la sua abitazione, sono stati rivenuti vari scritti dal contenuto delirante e relativi al fatto che lo stesso si sentisse perseguitato da hacker informatici. Sono in corso ulteriori indagini congiunte al fine di chiarire ulteriormente le motivazioni del gesto e di valutare le condizioni psichiche dell’arrestato (il medesimo si sarebbe giustificato asserendo di non essere stato sufficientemente cautelato nel contrasto agli hacker). Tra le altre cose presso la sua abitazione sono state rinvenute n. 2 cartucce cal. 38 special illegalmente detenute di cui non ha giustificato la provenienza, per cui è stato altresì denunciato per detenzione abusiva di munizioni. L’arrestato è D. M. A., 43enne ragusano, celibe, disoccupato ed incensurato.

Trasferimento del reparto di otorinolaringoiatria da Ragusa a Modica. Il sindaco Piccitto furente

ospileiifIl sindaco Federico Piccitto interviene in merito alla notizia secondo cui la direzione generale dell’Asp 7 di Ragusa avrebbe già avviato il trasferimento dell’unità operativa complessa di otorinolaringoiatria da Ragusa a Modica.  “Una decisione che, se confermata, ha davvero dell’incredibile. – afferma il primo cittadino – E non solo per la decisione in sè, ma soprattutto per il fatto che, appena avuta notizia sul possibile depotenziamento di un reparto centrale dell’offerta sanitaria nella nostra città, avevo avviato immediatamente un’interlocuzione telefonica con la direzione generale dell’Asp, la quale mi aveva garantito che non era prevista alcuna azione in tal senso. Da ulteriori approfondimenti, invece, la decisione del trasferimento sarebbe addirittura già confermata; se fosse così, si tratta di un atteggiamento che, di fatto è un affronto ad un’intera città che non può e non deve continuare ad essere presa in giro in questo modo ed in maniera totalmente irrituale rispetto al normale rapporto tra le istituzioni pubbliche. Il trasferimento dell’unità operativa complessa di otorinolaringoiatria, se attuato, insieme con le altre iniziative, proseguirebbe la linea intrapresa nel settembre 2015, in totale e palese contrasto, peraltro, con quanto emerso dalla specifica sentenza del Cga che ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Ragusa. Questo semplice fatto, avrebbe già, di per sè, consigliato maggiore prudenza, aspetto che, a quanto pare, è totalmente assente. Non intendo assolutamente coinvolgere la mia città in una battaglia mediatica inutile per difendere dei diritti evidenti e legittimi, ma mi vedo costretto ad intervenire perchè, e non solo in questo caso, si è passato davvero il segno. Per questo motivo ho già dato mandato agli uffici di attivare tutte le opportune azioni per contrastare questa scelta che definire scellerata è un eufemismo; stento a comprendere i motivi per cui, nonostante l’evidente caos ed approssimazione che sta guidando le scelte della Regione Siciliana, dal punto di vista della riorganizzazione della rete ospedaliera in tutta l’Isola, a Ragusa si continui a percorrere una strada accidentata, oltrepassando le legittime esigenze della nostra comunità, e che ha una sola conseguenza, ossia il depauperamento dell’offerta sanitaria. Come abbiamo detto più volte, noi non ci stiamo; ed attiveremo ogni possibile azione per fermare questa ed altre decisioni prese sulla testa dei cittadini”.

 

 

 

ARRESTO CINTOLO, DICHIARAZIONE DI CLAUDIO LA MATTINA DELEGATO PROVINCIALE FEDERAZIONE GIOCO CALCIO

cintolo-199x300“Con piacere sottolineo e plaudo all’ottimo lavoro delle Forze dell’ordine e della Magistratura, nell’avere portato alla luce una situazione interna al Coni I di Ragusa che, così come accertata sinora, getta discredito sull’intero movimento sportivo ibleo. Cosa che procura in me un senso di enorme fastidio perché il nostro, il mondo dello sport di questa Provincia, è un ambiente sano e sano deve rimanere”. Così il delegato Provinciale della F.I.G.C.  affiliata al Coni che sottolinea come la denuncia sia stata fatta a suo tempo dal responsabile dell’ufficio vigilanza del Coni. “Mi complimento per la collaborazione fornita dal Coni Regionale e dal Coni Nazionale perché ogni cosa ed ogni documento, in questa triste vicenda, fosse a disposizione degli organi inquirenti nello svolgimento delle indagini e per avere sostenuto e spinto questa indagine. Confido che si faccia chiarezza nei tempi e nei modi dovuti e che, se responsabili ci sono e vengano accertati attraverso i gradi di giudizio che il nostro ordinamento giuridico presuppone, essi siano allontanati dal mondo dello Sport di questa Provincia e siciliano che è sano, che è fatto da chi, con passione, lo porta avanti ad ogni livello: tecnico, giocatore e dirigente federale e di società” – conclude Claudio La Mattina

 

 

Chi ha paura della tenerezza?

coniugi“La tenerezza è come il peperoncino nel cuscus, è come il miele della terra, è come un’oasi di calma in cui il cuore parla e i sensi si ascoltano”. Con questo parole l’Ufficio di Pastorale Familiare presenta il training “Non abbiate paura della tenerezza” che si terrà a Ragusa nei due fine settimana del 18 – 19 e 25 – 26 febbraio presso il Consultorio Familiare di Ispirazione Cristiana di Via Cartia, 3 a Ragusa, con una quota di partecipazione di € 25,00 a coppia. Il training si rivolge a coppie di sposi e fidanzati che vogliono migliorare la loro relazione, sperimentando strade nuove che comportano un viaggio spirituale e relazionale che contrasta il tran tran quotidiano segnato dal lavoro, dalle faccende domestiche e dalla cura dei figli, spesso veri killer dell’amore coniugale.  “Il training – dice don Romolo Taddei che con i coniugi Dina e Giovanni Pitino condurrà il corso – è già stato sperimentato con grande entusiasmo in varie parti d’Italia. Si è trattato di una esperienza illuminante, affascinante e che ha suscitato nelle coppie partecipanti interesse, coinvolgimento e una risposta entusiasta. Tanto è vero che alcune coppie hanno coinvolto altri amici e hanno manifestato la voglia di continuare personalmente il processo di crescita sperimentato durante il training”. Le tematiche affrontate dal corso mirano a chiarire il significato dell’intimità e presentare la tenerezza nei suoi passaggi e nelle sue modalità espressive con il conforto di alcuni modelli antropologici e teologici. Ci si chiederà, quindi, cos’è l’intimità e quali sono le sue componenti principali, ma si cercherà anche di affrontare le paure e le difficoltà che frenano l’esprimersi della tenerezza e come e cosa fare per alimentare questo bisogno relazionale. Le persone interessate al percorso possono rivolgersi al Consultorio Familiare che è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 16.30 alle 19.30 e risponde al numero 0932/622644.

Arrestati due romeni per il furto di 200 chili di melanzane

imagesE’ andata male ai due romeni che nella notte di giovedì  sono stati beccati dai Carabinieri mentre uscivano da una serra di Santa Croce Camerina, con un carico di melanzane. Erano le 5 del mattino quando i militari hanno notato una Fiat Marea con la carrozzeria malconcia vicino alla serre ed hanno fermato subito l’autovettura e gli occupanti. I due giovani, alla richiesta dei militari su cosa facessero in zona, sono apparsi immediatamente agitati ed è bastato dare uno sguardo sui sedili passeggeri ed all’interno del portabagagli per apprenderne il motivo: trasportavano dei sacchi neri contenenti circa 200 chili di melanzane appena asportate da una serra. Per entrambi sono scattate le manette per furto agggravato: il 25enne è risultato avere già dei precedenti per ricettazione, mentre il complice 21enne è risultato essere incensurato. Ora entrambi si trovano agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni a S. Croce Camerina, mentre gli ortaggi sono stati restituiti al proprietario della serra.

 

 

 

Scroll To Top
Descargar musica